Carla Accardi (1924 - 2014)

Nata il 9 ottobre del 1924 a Trapani, in Italia, Carla Accardi studiò all'Accademia di Belle Arti di Firenze e si trasferí a Roma nel 1946. Nella capitale incontrò l'artista con il quale pochi anni dopo avrebbe fondato il gruppo Forma 1: Pietro Consagra. 

Il manifesto del gruppo, firmato nel 1947, si fondava su un'arte astratta dall'ideologia marxista. Nel 1950 Carla Accardi fu coinvolta negli importanti tentativi di rivoluzionare l'arte astratta attraverso una resa del tutto ibrida della forma geometrica. Dal 1952 iniziò ad introdurre segni pseudo-calligrafici in immagini astratte, come in "Labirinto a settori", mentre la gamma di colori si riduceva sensibilmente a bianco su nero al fine di esplorare la relazione tra figura e sfondo.

Nel 1961 reintegrò il colore nei propri lavori, utilizzando come supporto invece della tela il silcofoil, una plastica trasparente. Presentò questa nuova tecnica in occasione della Biennale di Venezia del 1964. "Tenda" e "Triplice Tenda" erano costituite da fogli di plastica assemblati e ricoperti da pennellate di colori accesi. Questa fase della produzione artistica di Carla Accardi fu celebrata in occasione della sezione Ambiente/Arte della Biennale di Venezia del 1976 e provò la definitiva influenza dell'Arte Povera sull'artista.

Nel 1980 tornò all'utilizzo della tela focalizzò la sua attenzione sull'uso dei segni e giustapposizione cromatica.