Enrico Castellani (1930)

Enrico Castellani è considerato una delle figure di maggior rilievo dell'arte europea della seconda metà del Novecento. Nato in provincia di Rovigo, studia arte, scultura e architettura in Belgio fino al 1956, anno in cui si laurea alla École Nationale Superieure.

 

L'anno successivo torna in Italia, stabilendosi a Milano, dove diviene esponente attivo della nuova scena artistica: dopo prime esperienze di carattere informale, ispirate all'action painting americana, soprattutto da Mark Tobey, stringe rapporti di amicizia e collaborazione con Piero Manzoni, con il quale da vita a un sodalizio artistico che vede la fondazione della rivista Azimuth.

Questa esperienza del tutto originale, considerata di fondamentale importanza nella storia dell'arte astratta del Novecento, non solo per quanto riguarda la scena italiana, ma anche quella internazionale, propone un nuovo inizio attraverso l'azzeramento totale dell'esperienza artistica precedente, realizzato tramite l'utilizzo di tele monocrome estroflesse (spesso totalmente bianche), che creano effetti di luci ed ombre cangianti.

 

Castellani avvia un percorso rigorosissimo di studio ed analisi delle possibilità fornite

dall'estroflessione della tela mediante l'utilizzo di chiodi e centine inserite dietro la tela e nel 1959 realizza la sua prima superficie a rilievo, dando vita ad una poetica che sarà la sua cifra stilistica costante e rigorosa.  

PER INFORMAZIONI info@melzifineart.com

 © 2021 MELZI FINE ART S.R.L  | VAT N° 10495050964