Mostre Personali

 

2016

Vertigo

Curato da Alberto Mattia Martini

Melzi Fine Art, Milano, Italia

2015

 

Two Souls

Curato da Katsu Ishida

The Others, Torino, Italia

 

Stefano Perrone. An exhibition

Curato da Melzi Fine Art

Melzi Fine Art, Milano, Italia

 

2014

 

Personae

Curato da No Mercy for K

Neue Heimat, Berlino, Germania

 

2013

 

BrerArt

Curato da Spazio San Giorgio arte contemporanea

Mondadori Store Piazza Duomo, Milano, Italia

 

 

Mostre Collettive

 

2015

 

Stop at Nothing

Curato da Melzi Fine Art e Alon Zakaim Fine Art

Alon Zakaim Fine Art, Londra, Regno Unito

 

Meditation

Curato da Katsu Ishida

Systema Gallery, Osaka, Giappone

 

Expo Arte Italiana

Curato da Vittorio Sgarbi

Villa Bagatti Valsecchi, Milano, Italia

 

2014

 

Aliens

Curata da Frattura Scomposta

Casa di Ludovico Ariosto, Ferrara, Italia

 

2013

 

Eat Art

Spazio San Giorgio arte contemporanea, Bologna, Italia

 

2012

 

MostraMi

CAM. Garibaldi “Falcone e Borsellino”, Milano, Italia

Biografia

 

Stefano Perrone nasce a Monza nel 1985. Laureatosi in Industrial Design presso il Politecnico di Milano lavora come Art Director in importanti agenzie di comunicazione tra cui Saatchi & Saatchi and McCann Worldgroup. Le sue prime opere, esibite per la prima volta nel 2013, consistono in collages grafici e digitali.

 

L'uomo è interprete indiscusso dell'intera ricerca di Perrone. Il volto, il corpo si traspongono e mutano se stessi per indagare un'identità relegata ai margini, un'evidente crisi dell'individuo contemporaneo, che con difficoltà sempre maggiore si sente come un viandante, tuttavia non sul mare di nebbia intento nel contemplare l'infinito, ma sempre più smarrito all'interno di una società labirintica e tentacolare, che ne soffoca ogni pulsione. Un senso di vertigine che destabilizza, ne compromette l'armonia psicofisica, arrivando a provocare una caduta persistente, che pare senza fine, un vortice che attrae ma che non prevede la luce.

 

Viaggiando in Europa, tra Londra e Berlino, realizza buona parte della sua prima serie di dipinti, i Ritratti senza volto; l'espressività pittorica dell'artista è stata protagonista di un cambiamento evolutivo, che ha la sua genesi nei corpi e volti disgreganti, deformati ed emaciati; fino a giungere alla modalità attuale, in cui le geometrie, le linee, la grafica vettoriale, vanno a costituire entità mutevoli più simili a corpi celesti che corpi umani.

Nel 2015 Perrone tiene diverse mostre in Giappone, Svizzera e Italia; il sostegno di Melzi Fine Art lo porta alla sua prima personale a Milano in marzo e alla mostra Stop at Nothing a Londra, nell’ottobre dello stesso anno, con alcuni tra i suoi lavori più recenti.

 

Vive e lavora a Milano.

 © 2021 MELZI FINE ART S.R.L  | VAT N° 10495050964