Toni Costa (1935 - 2013)

Toni Costa Melzi Fine Art

Toni Costa fu uno dei cofondatori del Gruppo N nel 1959, nucleo dell’Arte Programmata e dell'Arte Cinetica italiana, di cui fecero parte anche Edoardo Landi, Manfredo Massironi, Ennio Chiggio e Alberto Biasi. In un testo programmatico redatto nel 1961 questi artisti si dichiararono “disegnatori sperimentali”, liberi da programmi o tendenze artistiche e accomunati nella ricerca di una nuova definizione dell’arte che inglobi pittura, scultura, architettura e prodotto industriale. Dalla collaborazione con il gruppo nacquero opere cinetico-visive, frutto di sperimentazioni collettive, e una serie di attività presso la Galleria Enne di Padova, dove nello stesso anno si tenne la prima personale dell’artista.

 

Nel 1961 prese parte alla mostra “Art Abstrait Constructif International” allestita nella Galleria Denise René di Parigi e alla Biennale di Zagabria, mentre nel 1963 ricevette il primo premio alla Biennale di San Remo. L'anno seguente fu alla Biennale di Venezia e alla mostra “Nouvelle Tendances” nel Palazzo del Louvre, a Parigi.

 

Fu in seguito presente in diverse collettive dedicate all'arte programmata e cinetica e tenne diverse personali, in Italia e all'estero.